Dalla Lombardia

31

mag

2018

Rinnovo cariche sociali 2018/2021

Confermato il Presidente Dario Beretta

Mercoledì 30 maggio presso la Sala Conferenze della Casa di Cura Villa Barbarano a Salò l'Assemblea regionale dei soci ha confermato per il triennio 2018/2021 Dario Beretta Presidente di Aiop Lombardia. La squadra della Presidenza è stata completata nominando Gabriele Pelissero Presidente Emerito con incarico ai rapporti nazionali e internazionali, e Michéle Quarenghi e Guerrino Nicchio in qualità di Vice Presidenti.

L'assemblea ha poi provveduto a nominare i componenti del Consiglio Direttivo regionale e i membri per il Consiglio Nazionale, questi ultimi nelle persone di Renato Cerioli, Carla Nanni e Livio Tronconi, oltre ai membri che entrano di diritto (Presidente e Vice Presidenti).

25

mag

2018

Michele Nicchio è nuovo Presidente Aiop Giovani

Michele Nicchio, vice presidente di Aiop Giovani Lombardia, è stato nominato presidente nazionale di Aiop Giovani per il triennio 2018 – 2021 al termine dell’Assemblea elettiva Aiop Giovani, che si è tenuta venerdì, 25 maggio scorso, a Roma. “É un onore aver meritato la fiducia che tanti amici e colleghi mi hanno accordato. Ed è anche una grande responsabilità guidare la sezione in un momento così delicato come quello che il nostro Servizio sanitario nazionale sta vivendo negli ultimi anni. L’obiettivo principale di questo triennio sarà quello di potenziare l’attività di comunicazione con gli strumenti social e digital tipici delle nostre generazioni, per fare più cultura sanitaria e per preservare un Sistema sanitario che sia universalistico e solidaristico. Per raggiungere questo obiettivo è necessario considerare la sanità non solo un costo da tagliare, bensì un investimento strategico per la crescita e il benessere del nostro Paese”.

24

apr

2018

Modello Lombardo 4.0

Convegno

Giovedì 10 maggio presso Lombardia Informatica a Milano si svolgerà il Convegno "Modello Lombardo 4.0: dal territorio agli ospedali". L'argomento centrale sarà la Riforma lombarda della cronicità che si appresta a passare alla seconda fase applicativa che coinvolge i vari attori del sistema formando una rete per un'assistenza integrata tra territorio ed ospedale, che vede l'apporto sia degli ospedali pubblici sia degli ospedali privati accreditati. Interverrà anche il Presidente Aiop Lombardia Dario Beretta sul ruolo dell'erogatore privato nella presa in carico.

12345678910Ultimo

Nazionale

20

apr

2017

Legge Gelli. Le strutture private aspettano alcuni elementi "chiave"

Intervista del Presidente Pelissero a AdnKronos Salute

Una norma salutata con entusiasmo dai medici italiani e da quanti puntano a "prevenire il contenzioso opportunistico. Ora siamo in attesa di una serie di elementi chiave, previsti dalla legge: a partire dall'elenco delle 'buone pratiche' cui le strutture sanitarie debbono attenersi, fino al tabellare nazionale del risarcimento, che abbia caratteristiche di equità". A illustrare all'AdnKronos Salute la posizione delle aziende della sanità privata rispetto alle novità previste dalla legge Gelli è Gabriele Pelissero, presidente dell'Associazione italiana ospedalità privata (Aiop).

13

apr

2017

Parlare di sanità integrativa può far bene al Ssn?

Il dibattito in corso sulla politica sanitaria

Il tema dell’assistenza sanitaria integrativa inizia a diventare particolarmente importante nel dibattito politico-culturale attuale. Da una parte, i segni di affanno del SSN – che appunto ha continuamente all’ordine del giorno il problema della sua sostenibilità –, dall’altro il dato italiano di una spesa sanitaria privata di circa 35 miliardi di euro, di cui solo una piccola parte intermediata da soggetti assicuratori. Sono tutti elementi che mettono sul tavolo l’esigenza di affrontare forme parallele di copertura sanitaria per il nostro Paese.

30

mar

2017

Risolta la questione dei medici della sanità pubblica in pensione

La risposta del sottosegretario Davide Faraone

L’intesa delle Regioni e PP.Aut. del 29 settembre 2016 aveva destato non poche preoccupazioni, poiché, quasi a chiosa di un accordo riguardante la regolazione dei flussi finanziari connessi alla mobilità degli assistiti tra le Regioni per gli anni 2014 - 2015, si affrontava il tema dell’occupazione dei medici pubblici in quiescenza nel settore privato: “Impegno comune delle Regioni deve essere quello di affrontare il tema dei professionisti collocati a riposo e che nel pubblico non possono più esercitare l’attività e che hanno trovato ampio spazio nel settore privato, anche accreditato, le cui prestazioni restano comunque a carico del settore pubblico.

23

mar

2017

Autonomia dei medici riuniti in associazione

Gli effetti sugli indici di subordinazione

Con la sentenza del 22 marzo 2017 la Corte torna a pronunciarsi sui requisiti del rapporto libero-professionale, affrontando il caso di un medico di guardia ginecologica che rivendicava nei confronti di una clinica romana il rapporto di lavoro subordinato sul presupposto che la guardia medica fosse stata diretta dal direttore sanitario e daicoordinatori dipendenti della Casa di cura, che la prestazione fosse stata continuativa, il compenso fisso, con pieno inserimento nell’organizzazione aziendale.

16

mar

2017

Il turismo sanitario. Nuova frontiera per l'ospedalità privata italiana

Intervista ad Ettore Sansavini

Esiste un impianto normativo a livello europeo che trovi una reale rispondenza in concreti flussi di pazienti in area Schengen ed extra-Schengen?
L’impianto normativo esiste ed è la premessa di qualsiasi ragionamento, sicuramente. Tuttavia, l’articolazione della mobilità attiva a livello internazionale nei modelli sanitari UE così come è stata definita dal DM Salute 31 dicembre 2007 consente di rilevarne una portata, al momento, modesta dal punto di vista fattuale. La materia è ben trattata nei suoi aspetti generali nella pubblicazione “Mobilità Sanitaria” dell’Agenas .
RSS
Primo3456789101112Ultimo